L’intesa con la Cina

Agrigento in Cina, nella città di Chengdu, ha siglato un memorandum a favore dello sviluppo turistico ed economico.

La firma dell’accordo è avvenuta nel corso della II edizione del Congresso internazionale per la cooperazione tra Italia e Cina, che ha visto la partecipazione di più di duecento delegati da varie parti della Cina e dell’Italia.

Il Congresso è stato l’occasione per presentare nuovi modelli di accesso al patrimonio culturale per la Cina e i cinesi in visita alla Città dei Templi. L’iniziativa è stata finalizzata a rispondere efficacemente alla domanda sempre più pressante di servizi ad hoc da parte dei visitatori cinesi.

Alla presenza di Lyu Hongwey, direttore generale del dipartimento europeo dell’Associazione popolare cinese per l’amicizia con i Paesi esteri, di Davide Castellani, console d’Italia a Chongqin e delle massime autorità cinesi della provincia di Sichuan e della città di Chengdu, il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, ha presentato il Patrimonio Culturale della città, firmando il memorandum delle relazioni amichevoli di collaborazione fra le città di Agrigento e di Neijiang con il sindaco della città, Zheng Li.

Il primo incontro operativo per Agrigento 2020 si è svolto in Cina pochi giorni dopo la firma dell’accordo.

Il sindaco Lillo Firetto ha illustrato la città, le possibilità economiche, turistiche e accademiche e culturali, che erano state già apprezzate durante la Conferenza generale e durante gli accordi seguiti alla firma del memorandum con il sindaco della città di Nijiang.

Liu Jie, direttore del Distretto culturale di Tanfu, nuova area di espansione di Chengdu, ha sottoscritto un accordo con la città di Agrigento per avviare concretamente una serie di azioni:

un’intesa culturale che tenga conto di scambi e rapporti con l’Università, i Musei e i siti culturali;

una relazione a livello economico e turistico almeno per i cittadini di Cheng Du (22 milioni) che desiderano visitare la Città dei Templi;

altra intesa sulla produzione agro-alimentare e le eccellenze del territorio da esportare nella città.

Grande interesse è stato mostrato al sindaco Firetto, nel corso dell’incontro, anche per la letteratura, in particolare i legami con Pirandello e Camilleri, e per le produzioni del territorio.

A tal fine è stata raggiunta l’intesa su iniziative da intraprendere quale rapporto bilaterale tra le due città per musica e attività teatrali da esportare in Cina.

Scroll Up