Contrasto alla povertà

L’attenzione al contrasto alla povertà è stata da subito molto alta ed è diventata una priorità per tutta l’Amministrazione.

Sin da subito si è data indicazione per una gestione dei pochi fondi disponibili in forma trasparente, tramite avvisi pubblici aperti a tutti e con criteri stabiliti e fissi, che privilegiassero i più bisognosi.

Una rivoluzione anche questa nel processo di erogazione, che prima era ad personam. Era una gestione clientelare dei sussidi che sono invece un diritto per le persone che hanno realmente bisogno.

Ma non solo.

Per quanto possibile i sussidi sono stati erogati restituendo alle persone beneficiarie la dignità di un lavoro.

Sono stati istituiti subito 3 Turni di Servizio civico per complessivi 111.944 euro
I° tornata di Cantieri di servizio per 380.000 euro
Buono spesa erogato nel 2016 per 30.300 euro
Bonus idrico per gli anni 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019 per circa 200.000 euro
Contributo alle ragazze madri negli anni 2016 – 2017 – 2018 – 2019 – 2020 per un totale di 300.000
euro
II° tornata di cantieri di servizio per 381.000 euro
Tirocini formativi, per i beneficiari del SIA, per circa 300.000 euro.

A questi vanno aggiunti 250.000 euro di borse lavoro relative ai piani di zona che sono già programmate e il nuovo finanziamento relativo al PON inclusione e contrasto alla povertà di circa UN MILIONE di euro che è stato già accreditato e deve essere destinato ed assegnato per le diverse
finalità per le quali i fondi sono stati erogati.

Si tratta in totale di circa 3.000.000 di euro per venire incontro alle varie necessità dei Cittadini, secondo le finalità specifiche dei finanziamenti.

Scroll Up