Chi sono

Mi chiamo Calogero Firetto, per tutti sono Lillo.
Sono nato ad Agrigento il 4 settembre 1965.
Questa città mi ha visto scorrazzare su una Vespa 50 di colore azzurro, playmaker in una squadra di pallacanestro.
Mi ha visto appassionare di politica, sin dai tempi della scuola. Mi ha visto crescere e diventare marito e padre.
Mi ha visto sin da bambino al mare, in giro, poi al Viale con gli amici, in via Atenea, a San Leone, alla Valle dei Templi.
Per tutti ero e sono ‘u marinisi. Nutro l’orgoglio di appartenere a quella gente di Girgenti che ebbe a sorte di vivere in altro Comune da 150 anni, gente che ha il mare negli occhi e nel cuore.
Sono il marito di Simona, che è un avvocato, e il padre di Fulvio e Marialuce, un universo familiare di infinite scoperte, dove ogni giorno imparo qualcosa e trovo forza, sostegno e ispirazione per continuare a lavorare.
Vivono con noi due cani, Dino e Nenè, e con loro mi concedo, quando posso, lunghe passeggiate nella natura.
In questi anni appassionanti non ho fatto che chiedere di più. L’ho chiesto a me stesso e ai cittadini.
Più consapevolezza delle nostre possibilità, della bellezza, dei punti di forza, dei diritti, meno paura del cambiamento.

Perché mi ricandido?

Credo che il profondo cambiamento collettivo attuato dal 2015 debba proseguire senza esitazione, per continuare a essere protagonisti del futuro della città.
Cinque anni di azioni, idee, partecipazione, progetti, visioni. Un lavoro intenso che abbiamo svolto insieme, in modo responsabile e leale. Abbiamo risanato il bilancio, una zavorra che ci trascinavamo da decenni. L’altra parte del percorso è la parte più bella.

Come voglio continuare?

Con la stessa passione di sempre, con massima trasparenza e con un amore smisurato per questa terra, mettendo a disposizione della città le mie competenze e la mia capacità amministrativa.

Le mie esperienze

Studente lavoratore, mi sono laureato in Economia Aziendale con il massimo dei voti.
A vent’anni ho vinto un concorso all’Enel e a soli 26 ero capo-reparto amministrazione alla Centrale di Porto Empedocle, poi capo del personale con la responsabilità di un organico di 600 persone.
Soddisfazioni? Tante. Ma m’interessava “la cosa pubblica”, da cui ero sempre stato attratto, e così ebbe inizio la mia esperienza politica.
Sono stato consigliere comunale e assessore provinciale.
Nel giugno 2006 sono stato eletto sindaco del Comune di Porto Empedocle, riconfermato nel secondo mandato, nel maggio 2011, con il 94 per cento delle preferenze.
Sono stato eletto al Parlamento Siciliano, nel novembre 2012, risultando primo fra gli eletti in tutte le liste del mio Collegio e secondo eletto in Sicilia.
Un successo che non mi ha impedito di proseguire il mandato di sindaco di Porto Empedocle.
Dal 19 dicembre 2012 sono stato componente della IV Commissione parlamentare all’Ars  “Servizi sanitari e sociali” e dal 30 aprile al 10 agosto 2011 ho guidato, come presidente, il Gruppo Parlamentare.
Durante il mandato all’Assemblea Regionale Siciliana ho portato avanti come primo firmatario ben 22 Disegni di Legge.
Poi la storia è nota. Il primo giugno 2015 sono stato eletto sindaco di Agrigento al primo turno con 16 mila preferenze, circa il 60% dei suffragi.
Ho rinunciato alla carica parlamentare per amore di Agrigento, per dedicarmi interamente alla città capoluogo.
Non siamo destino. Nessuno è solo l’elencazione delle sue cariche, dei suoi corsi di studio.
Siamo esperienza, ma siano anche sogni e passioni.
Per questo ho un grande desiderio, lo coltivo con dedizione: riuscire a portare a termine i tanti progetti elaborati in questo mandato, per continuare in questa direzione e scrivere tutti insieme un futuro diverso per Agrigento.

Together, We Will
Move Forwards

Scroll Up